racconto chef - Ristorante D'Avalos

Vai ai contenuti

Menu principale:

racconto chef

Mi chiamo Elena,ed avere gli anni di oggi per me vuol dire avere sempre 18 anni. La stessa passione, la stessa voglia, la stessa forza di portare avanti un progetto, anche se in tanti momenti difficile, ma che è cresciuto con me perché io ci credo. La mia prima esperienza fu quella di rilevare una Pub ,il mitico Pub Artois,il primo nella provincia di Foggia,che nel giro di pocho tempo trasformai in pizzeria e tavola calda. Tanta ed innata la mia passione che mi lega alla cucina che veramente mi sentivo irrealizzata quando dovevo preparare quei panini. Non voglio disprezzare il settore,anzi proprio da li è iniziata la mia avventura, sentivo in me pulsare qualcosa che si spingeva oltre quel panino. Quando cominciai a fare le mie prime pietanze di tavola calda, mi dilettavo soprattutto negli antipasti , ricordo che non facevo in tempo a prepararli, che erano già finiti,e ripreparali era davvero una tragedia perché mi ostinavo a cucinare su un barbeque,e una piccola cucina, grande quasi come un palmo di mano. A distanza di tempo tale pensiero mi porta gioia. Gioia perché mi sentivo realizzata quando la mia clientela apprezzava le mie pietanze.
Portai avanti questo arduo progetto, tanto che la mia strada ad un punto prese una nuova rotta. Si ad un certo punto mi sono chiesta, se i miei clienti apprezzano quello che faccio (e loro non sanno che sforzi facevo) perché non aprire un ristorante.? E da li a poco il mio ristorante prese vita. Ora sentivo che la mia passione per la cucina e quella filosofia innata li potevo portare avanti con la giusta connotazione.
Da lì a poco inventai una linea di antipasti tutti fantasiosi e gustosi da mangiare, primi, secondi e dolci Credo che ogni chef abbia una propria concezione sul cibo e a me è sempre stata associata all’inventiva.
Da sempre la mia creatività è stata da padrone nei piatti che proponevo. Non ho mai amato le linee dritte, avendo studiato al liceo artistico, il piatto per me doveva rappresentare una vera opera culinaria. In modo molto semplice e spontaneo ho portato avanti questo progetto di “cibo- arte” , un modo alternativo di cibarti.
Con una visione del concetto culinario che guarda al passato, ma al contempo cerca soluzioni moderne. Naturalmente i ringraziamenti vanno alle persone che mi sostengono, dai familiari alla clientela. Se mi verrete a trovare vi posso garantire che andrete via soddisfatti in tutti i sensi, cercherò per lo meno di ascoltare bene la vostra esigenza e perché no lasciatevi guidare anche da me.Con affetto Elena

 
Tel.0881.97.00.67- cell.3317243040
Torna ai contenuti | Torna al menu